Intervista a Simona Bianchera, autrice di “Tu Sei Musica”, Panesi Edizioni, 2019

Leggendo la storia di Alaska, ho avuto la sensazione di conoscere molto di te. Quanto c’è di autobiografico nella personalità della protagonista?

Alaska è entrata nella mia vita nel 2012 e la amo tantissimo. Il nome è nato alla domanda che mi sono fatta “Che nome darei ad una figlia?” e come tale la sento.  È la mia creazione, una parte di me vive in lei. Chi mi conosce personalmente mi identifica in lei, anche perché

è più facile scrivere di quel che si conosce, quindi è vero che qualche spunto l’ho preso da me, ma in verità l’ho vista e descritta come se fosse una persona che amo e che mi è molto vicina. Come me ama l’arte: la pittura, la musica e la fotografia e anche io non sono capace a dare indicazioni stradali (risata). Io ho vissuto in prima persona Simona, la madre un po’ pazzerella fotografa e rock, insieme a Fabrizio, mio marito, padre di Alaska. Anche qualche aneddoto capitato nel romanzo è ispirato ad eventi realmente successi. Per esempio l’incontro con Pasquale, driver e guida turistica di Polignano a Mare, oppure trovare la gomma di scorta bucata (risata).  

Una storia dalla colonna sonora decisamente rock, raccontata anche attraverso le immagini. Com’è nata l’idea di un libro che racchiudesse queste diverse forme espressive?

Fanno parte della mia quotidianità. Quando dipingo, scrivo o lavoro sulle fotografie devo sempre avere uno sfondo musicale. Quindi mentre scrivevo il romanzo mi veniva naturale accostare le canzoni alle emozioni dei protagonisti. La musica è il fulcro di tutto. Grazie a lei Alaska e Daniel si conoscono, e altri personaggi la usano per spiegarsi, arrivando a capirsi. Quando siamo tristi, felici, nostalgici o euforici andiamo alla ricerca del brano per amplificare quella sensazione o per sentirci meglio, per darci la carica o per rilassarci.  Perché la musica è un’emozione danzante. In questo romanzo ho espresso tutte le mie passioni e anche quando Alaska e Vanessa si trovano alla mostra artistica di Sonya, magicamente ogni quadro trovava una collocazione perfetta per le loro emozioni.

Tu Sei Musica è il tuo romanzo d’esordio. Cosa ha significato scrivere questo libro?

Ho sempre amato scrivere, fin da bambina, poesie, racconti, fiabe e alcune canzoni quando cantavo nel gruppo, guarda caso Pensieri Divergenti. Per me la pubblicazione di questo romanzo ha segnato una svolta nella mia vita. Io tendenzialmente sono una persona insicura e quando ho terminato il romanzo l’ho messo nel famoso “cassetto dei sogni”. Le paure mi bloccavano. Negli anni lo tiravo fuori, rileggendolo ed emozionandomi, ma non facevo mai il passo di spedirlo ad una casa editrice. Poi, dopo 5 anni di ripensamenti, una mattina mi sono svegliata coraggiosa e l’ho fatto. Con mani tremanti ho inviato un’email alla Panesi Edizioni e quando mi ha risposto che le piaceva e lo avrebbe pubblicato ho pianto dalla gioia. Mi sono resa conto che con le nostre paure creiamo delle catene. Sono felice per quello che sto vivendo e voglio dare un messaggio a tutti: ognuno di noi ha uno o più doni, trovandoli e coltivandoli si vive appieno ogni giornata, ogni momento che abbiamo la fortuna di assaporare. I sogni non bisogna tenerli nel cassetto, anche se a volte le paure ci bloccano, ma tirarli fuori e fare di tutto per realizzarli. In quel percorso troveremo nuove energie che manco sapevamo di avere e l’universo lavorerà insieme a noi. Come scrisse Baudelaire: “Di vino, di poesia o di virtù. Come vi pare: ma ubriacatevi”.

Cercavo la forza e mi sono immaginata un dialogo tra un nonno e un nipote. La voglio dedicare a tutte le persone che stanno affrontando un periodo difficile, a tutte le persone che vedono davanti un muro insormontabile, quando nella realtà è solo un muro di cartone. A volte basta solo la forza di provarci a tirarlo giù.

«Ho paura» si confidò il ragazzo.

«Di cosa?» chiese affettuosamente il nonno, lisciandosi la lunga barba, come era solito fare quando pensava.

«E se non sono all’altezza? E se non riesco a superare l’esame?» gli occhi del ragazzo erano pieni di timore, le pupille dilatate. Ancora qualche manciata di minuti e sarebbe dovuto entrare nella stanza. Il cuore batteva forte nel suo petto.

«Piove» disse il nonno. Chiuse gli occhi «Ascolta il suono dolce, lieve, delle gocce che cadono a terra.»

«Sì nonno, ma che c’entra?». Il ragazzo era talmente spaventato dall’idea di non riuscire a realizzare il proprio sogno, quello per cui aveva lavorato per così tanto tempo da avere quasi le lacrime agli occhi. Iniziava a sudare freddo  e l’agitazione lo rendeva poco concentrato. 

Il nonno gli prese le mani  e continuò: «Le gocce  scendono dal cielo con una forma precisa,  perfetta, e poi, appena toccano una superficie si rompono, la loro forma si spezza, frantumandosi in tante piccole gocce, che unite prendono altre forme. Si plasmano al luogo che le raccoglie.» Il ragazzo lo guardava con un’espressione confusa in viso. Prima che potesse esprimere il suo smarrimento il nonno disse, guardandolo negli occhi «Ecco, noi siamo così. Nasciamo in una perfetta forma, poi nel percorso della vita incontriamo ostacoli, muri, prove e ci spezziamo. Ma come l’acqua semplicemente cambiamo. Se osservi una goccia mentre cade, poi, quando tocca terra, non la distingui più, ma non è scomparsa. Ha conosciuto una nuova realtà e continua il suo viaggio, continua la sua vita andando a fluire nei fiumi e infine nel mare. Vedi, siamo in continuo cambiamento. Nasciamo per fare esperienze, ogni giorno è diverso dall’altro. Credi sempre in te, perché anche se pensi di spezzarti, in realtà evolvi. L’acqua è vita e noi siamo fatti per una buona parte di essa. È  l’unico elemento che varia a seconda delle necessità: si solidifica, evapora, scorre.  La vedi diversa, ma le sue molecole sono le stesse. La maggior parte del nostro corpo è costituito dall’acqua, la natura  ha dato a noi la possibilità di cambiare, di adattarsi al meglio nell’ambiente. Siamo fatti d’acqua, di stelle e di una potente energia che è l’amore . Ma questa è un’altra storia. Ora ascolta il rumore della pioggia, la goccia non ha paura di cadere perché sa che semplicemente si trasformerà. Vivi con la stessa consapevolezza.» Il ragazzo sorrise, aveva visto nella sua mente ogni immagine descritta dal nonno, lo abbracciò forte ed entrò fiducioso nella stanza dentro la quale avrebbe iniziato a veder realizzati i propri sogni. 

Quel ragazzo sei tu e la stanza è ogni giorno che hai a disposizione nella vita.         

Ps. Questo piccolo scritto lo troverete nel secondo romanzo.

Com’è stato il processo di scrittura? Come lo hai vissuto?

Ho scritto Tu sei Musica tra il 2012 e il 2013. È iniziato come un racconto, un’idea romantica dell’incontro tra una ragazza e un ragazzo iniziata su internet, però mano a mano che scrivevo le idee fluivano di continuo arricchendola di personaggi.

Si creava da sola, come fosse magia. Scrivevo quando potevo: di sera, finiti i lavori di casa.  Quando tornavo in treno dal lavoro. Di notte, quando mi svegliavo e un’idea veniva subito alla mente. Mentre viaggiavo in motorino, mi fermavo a bordo strada e mi registravo sul cellulare.

È stato come vivere in una realtà parallela, sentivo le emozioni dei protagonisti: mi elettrizzavo quando accadeva qualcosa di bello e provavo la sofferenza per qualche fatto triste. Come dice Vasco Rossi nella canzone Una canzone per te “Le mie canzoni nascono da sole, vengono fuori già con le parole…” così ho vissuto la creazione di Tu sei Musica.

Progetti per il futuro. Puoi darci qualche anticipazione?

Ho terminato da poco il secondo romanzo e l’ho appena spedito alla casa editrice. Il genere è diverso, ovvero avventura e mistero. È stato stupendo scriverlo, mi sembrava di essere un Indiana Jones al femminile e nelle varie ricerche che ho fatto ho appeso parecchie nozioni che mi hanno aperto la mente. È stata quindi anche una crescita personale. 

🖤 LEGGI LA RECENSIONE DI “TU SEI MUSICA” 🖤

Primi acquisti del 2020!

Ciò che da sempre mi appassiona è scoprire aneddoti legati ai libri stessi, alle vite degli scrittori e, perché no, alle storie delle case editrici. Oltre a ciò che racconta, un libro ha la sua storia e questo mi ha sempre affascinato moltissimo.⁠ ⁠

Lo sapevate che la vita di Lorna Nicholl Morgan, autrice di “Un Piccolo Omicidio Di Natale” è avvolta nel mistero?⁠ Scrisse quattro romanzi tra il 1944 e il 1947, dopodiché non si seppe più nulla di lei. Ciò nonostante divenne una delle penne più apprezzate della Golden Age della crime fiction britannica. ⁠ ⁠

“La Baby Sitter e Altre Storie” ripercorre attraverso trenta racconti la carriera di Robert Coover, uno dei padri della letteratura postmoderna americana. Ha insegnato per più di trent’anni alla Brown University dove fondò un programma rivolto a scrittori internazionali perseguitati per le loro idee e i loro scritti. La particolarità di questa edizione è che la NN Editore ha affidato la traduzione di ciascun racconto a un traduttore differente, proprio per fare in modo che potesse emergere, più fedelmente possibile, la voce dello scrittore nelle sue molteplici sfumature.⁠ ⁠

“Le Sette Morti Di Evelyn Hardcastle” è edito dalla Neri Pozza. La storia di questa casa editrice ha origini che risalgono alla lotta contro le leggi razziali del 1938. ⁠ Le edizioni nascono con lo scopo ben preciso di pubblicare un libro che un editore ebreo, costretto alla fuga dalle leggi razziali, non poteva più dare alle stampe. In questo modo viene ereditato il compito di un editore ebreo, vittima della stupidità e della crudeltà dell’epoca, Neri Pozza scopre la sua vocazione d’editore fino a dare vita alla casa editrice che porta il suo nome.⁠ ⁠

Questi sono stati i miei primissimi acquisti del 2020 e già non vedo l’ora di cominciarli.⁠

⁠ 🖤 Anche voi avete già fatto compere? Come me siete appassionati di aneddoti legati ai libri e alla loro storia? Fatemi sapere nei commenti!! 🖤⁠ ⁠ ⁠

Intervista a Liliana Marchesi autrice di “Cavie”, La Corte Editore, 2019

Quello di scrivere è sempre stato un sogno nel cassetto, o è stata una passione rivelatasi nel tempo? Come sei diventata scrittrice?

La passione per la scrittura è sempre stata dentro di me. Si è nascosta a lungo nei meandri del mio cuore come un animale dormiente, finché un giorno

ha deciso che ne aveva abbastanza del silenzio. Da allora sono trascorsi 10 anni, e la sua necessità di mostrarsi si fa sempre più insistente.

Dopo aver mosso i primi passi nel genere Paranormal Romance, ti sei dedicata principalmente al genere distopico. Qual è stata la scintilla che ha fatto nascere l’amore per questo genere letterario?

Nel genere Distopico mi ci sono ritrovata quasi per caso, ma ho da subito riconosciuto questo genere come “casa”. Le possibilità di comunicazione che offre la distopia sono infinite, così come le sfumature di cui è fatta.

Il tuo processo di scrittura è sempre stato lo stesso per ogni tuo libro o ciascuna storia ti ha posto sfide o metodologie differenti?

Dal primo romanzo all’ultimo sono cambiate molte cose. E attraverso questi nove romanzi sono cresciuta molto, sia come autrice che come persona. Ogni storia mi rende più consapevole di ciò che so fare e di ciò che invece devo ancora imparare. Ma quando ci sono passione e determinazione, il processo di crescita è un’evoluzione naturale, che ha bisogno di studio, ma naturale.

Come è nata l’idea di Cavie?

L’idea di Cavie è nata dalla mia convinzione che ciò che ci è dato sapere, parlo di cose terrene e non paranormali, è solo la punta dell’iceberg. Infatti in Cavie, uno dei protagonisti è l’ignoto.

Scrittrice, sei anche redattrice e fondatrice di leggeredistopico.com. Collabori con altri siti di divulgazione letteraria, con librerie e anche con una radio. Sicuramente attività che richiedono molto tempo e dedizione. Oltre a queste attività, sei anche moglie e madre. Come riesci a conciliare questi due ruoli con quello di donna lavoratrice?

Non è sempre stato facile. Ci sono stati momenti in cui il tilt era garantito di tanto in tanto, ma se impari a organizzarti e sei hai la fortuna di avere accanto persone che comprendono quanto la scrittura sia parte di te, allora tutto è possibile!

Uno sguardo al futuro. Qualche anticipazione sui tuoi prossimi lavori? Un nuovo romanzo? Personalmente spero in un Cavie 2…! 😉

Ahimè non posso dare anticipazioni, ma chi mi segue da un po’ sa che ho sempre qualcosa che bolle in pentola 😉

🖤 LEGGI LA RECENSIONE DI “CAVIE”! 🖤

Intervista a Lorenzo Foltran autore del libro “In Tasca La Paura di Volare”, Oèdipus Edizioni, 2018

In un mondo come quello di oggi, frenetico, dominato dal digitale e dai social, c’è ancora spazio per la poesia?

Non mi stancherò mai di ripetere che oggi esistono almeno tre validi motivi per leggere poesia:

. La brevità della poesia comporta un tempo di lettura ideale per il lettore contemporaneo che ha sempre meno tempo da dedicare ai libri.

. Tale brevità è perfetta per la condivisione sui social.

. A chi pensa che la poesia sia un genere di difficile comprensione rispondo: una poesia può comunicare prima ancora di essere capita.

Quindi, sì, c’è ancora spazio per la poesia. Proprio grazie ai social media è più facile arrivare ai lettori, basti pensare al successo di alcuni, cosiddetti, “instapoeti”. Il problema, però, è riuscire a trasformare il “mi piace” in acquisto del libro ed evitare di diventare unicamente un “brand”, una faccia da mostrare in video su Youtube o nelle storie di Instagram. Altra questione è la qualità dei testi: trovo che quasi la totalità delle poesie pubblicate in rete si limiti a formule a effetto pensate e scritte per fare breccia nei cuori dei non-lettori o in quelli dei lettori sprovveduti. Sono frasi sdolcinate o pseudoromantiche, non poesia.

Com’è nata l’idea di questa raccolta di poesie?

La silloge è l’evoluzione di altre due raccolte, “La ragazza luna” e “L’una la musa dell’altro”, rimaste, fortunatamente, inedite in quanto entrambe contraddistinte da una scrittura adolescenziale. Erano una sorta di canzoniere amoroso con molta ispirazione ma poca sostanza. Infatti, il piano autobiografico su cui si basavano i testi non mi permetteva di dare un significato culturale, universale oltre che privato, alla mia poesia. Attraverso un lungo e accurato lavoro di rifinitura, anche su testi che ritenevo intoccabili, ho rivoluzionato la struttura della raccolta ed è nata In tasca la paura di volare.

Ciò che da subito mi ha colpito della tua poetica è un più che evidente richiamo alla poesia petrarchesca e ai suoi stilemi, ma il tutto direi “vissuto” nella contemporaneità, riportato ai giorni nostri per quanto riguarda anche i contenuti. Un contrasto interessante quanto ardito a mio avviso. Vuoi spiegarci nel dettaglio questa scelta?

Oltre agli stilemi petrarcheschi, non bisogna dimenticare che vi è molto anche della poesia provenzale. Sono stati i poeti provenzali a inventare il concetto di cortesia che si basa sul riconoscimento del valore della donna per lo sviluppo morale dell’uomo. La poesia provenzale ci ha donato un prezioso patrimonio letterario e anche una profonda eredità spirituale. Ma oggi chi conosce o ha letto le poesie di poeti come Jaufré Rudel o Raimbaut d’Aurenga? Rinnovare e attualizzare tale concetto permette di riproporlo e renderne più facile la fruizione ai lettori di oggi. Tuttavia questa componente cortese/petrarchesca caratterizza unicamente la prima sezione della raccolta. I lettori sono affascinati dalla prefazione di Dario Pisano, ma non prendono in considerazione una parte della sua, corretta, interpretazione: l’aspetto ironico. Dario scrive: “La sua musa abita le rive dell’antica tradizione poetica italiana, e riscrive, con una dose di umorismo e ironia, celebri pagine della tradizione stilnovistica e petrarchesca”. Tutto ciò presuppone una presa di distanza dalla poesia d’amore tradizionale. Come Orfeo con Euridice, il poeta può tenere per mano la sua musa, ma non può voltarsi per guardarla se non vuole perderla (o perdersi nel suo sguardo). In In tasca la paura di volare il poeta si è voltato alla ricerca della sua musa, perdendola per sempre. Da questo deriva il fallimento del rapporto io-tu, del binomio poeta-musa tipico della lirica d’amore.

In Tasca La Paura Di Volare è una delle poesie contenute in questo libro e che dà il titolo alla raccolta. Qual è il significato di questa espressione e perché hai scelto proprio questa poesia come rappresentativa della raccolta?

È un titolo evocativo, un endecasillabo che suona davvero bene. Si tratta di un verso della poesia che chiude il libro. L’ho scelto perché penso riassuma perfettamente l’atmosfera della raccolta e ciò che resta del viaggio effettuato lungo le tre sezioni. Quella paura è l’unico biglietto di cui disponiamo verso il futuro, ed è di sola andata.

Cosa significa per te scrivere poesie? Che rapporto hai con la tua opera?

La poesia è un bisogno, qualcosa che nasce spontaneamente. Come diceva il poeta Dario Bellezza, andare a fare la spesa, mangiare, scrivere una poesia sono la stessa cosa, se uno è un vero poeta, poi se uno deve fare uno sforzo per esserlo è inutile che lo fa. Poi, ovviamente, a questa prima fase più creativa deve seguire un continuo lavoro di lima. Per questo ho un rapporto difficile con la mia opera, come penso lo sia per tutti i poeti. Dopo aver lavorato mesi, o anni, sulla stessa raccolta è necessario abbandonarla, addirittura smetterla di rileggerla. Questo perché il poeta che si migliora vi troverà sempre dei difetti: una poesia non finisce mai, è un testo in continua evoluzione, ma bisogna avere il coraggio di allontanarsene altrimenti si corre il rischio di restare bloccati. Se oggi potessi intervenire su In tasca la paura di volare modificherei non poche cose.

Progetti per il futuro. Hai qualche anticipazione?

Mi trovo in una fase straordinariamente creativa. Ho da poco ordinato e corretto quella che sarà la mia seconda raccolta. L’obiettivo è di pubblicare con un editore più grande e importante. In attesa delle risposte delle case editrici alle quali ho inviato il manoscritto, mi sto concentrando sulle pubblicazioni in rivista e sulla traduzione in francese delle mie poesie. Una mia poesia è stata da poco pubblicata sulla rivista letteraria “Méninge” e altri miei testi saranno presto pubblicati sulle riviste “Meteor” e “Filigranes”. Infine, ho cominciato a dedicarmi anche alla prosa, infatti sono al lavoro sul mio primo romanzo in cui la poesia avrà un ruolo fondamentale. 

🖤 VUOI SAPERNE DI PIÙ? LEGGI LA RECENSIONE AL LIBRO DI LORENZO FOLTRAN! 🖤

Intervista a Martina Semenzato, autrice del libro “I Love Cellulite”, Peruzzo Editoriale – Guida Editori, 2018

Dopo aver letto il suo libro, erano diverse le domande che avrei desiderato porre a Martina. Ho deciso quindi di proporle questa intervista che condivido con grande entusiasmo. La ringrazio nuovamente per la gentilezza e la grande disponibilità che mi ha dimostrato. Un ringraziamento speciale anche al suo staff davvero molto professionale e attento.

“I Love Cellulite” in un mondo mediatico che per decenni, salvo rare eccezioni dalla breve vita, ha costruito uno stereotipo di bellezza femminile basato sulla magrezza e sull’assenza di imperfezioni. Una provocazione? Sicuramente una scelta contro corrente. Vuoi spiegarci?

L’idea di questo libro nasce 8 anni fa, ma la mia battaglia contro la cellulite, meglio detta la malefica, inizia molto prima, da quando ho 14 anni!! A poco a poco la lotta si è trasformata in una passione. A forza di averla con me, alla malefica mi sono affezionata. Un rapporto complesso, di amore e odio. Una storia complicata.
Una provocazione si! Una condivisone tra donne si! Un guardarsi allo specchio con occhi diversi si! Uno sdoganare la cellulite si!!

Cosa ti ha spinto a scrivere questo libro, cosa ha significato per te, era nei tuoi progetti quello di diventare una scrittrice?

La voglia era quella di dar vita ad un breve manuale che alleggerisse le donne da un tormento e ironizzasse anche un po’ sui loro limiti fisici e a volte mentali, spesso sociali e anche economici!!
Non era nei miei progetti diventare scrittrice, ma la passione per la lettura e la scrittura li ho coltivati grazie ai miei studi classici!!
Quindi direi che la scrittrice di fatto inconsciamente c’era da tempo!!
Adesso c’ho preso gusto e sto finendo il secondo libro I Love Panza!!
La parte editoriale è per me molto importante!! E si abbina ad un importante progetto di marketing e valorizzazione del logo!

Una scrittura ironica, divertente, leggera, quando pagina dopo pagina si scopre l’elemento fortemente autobiografico e profondo che caratterizza il tuo libro. Questa ironia rispecchia il tuo modo di essere e di approcciarti alla vita?

Si assolutamente: cancro ascendente cancro!!! Trovo che l’ironia possa essere una leva forte per affrontare le straordinarie sfide che la vita cellulitica ci riserva.
Ironia fatta con intelligenza e rispetto di se stesse e di chi ci sta vicino.

Nel libro parli anche di chirurgia estetica a cui tu stessa, senza segreti, riveli di esserti sottoposta. Col senno di poi, e soprattutto dopo la pubblicazione di questo libro, lo rifaresti?

Si lo rifarei, ogni volta che faccio una presentazione preciso che io sono per la cura del contenitore, anche se il contenuto viene prima di qualsiasi altra cosa.
Non mi spaventa il ricorrere alla chirurgia estetica, ne sono portatrice sana!!!
Sana perché se la chirurgia ti fa stare bene, come un bel vestito o un bel rossetto o una scarpa tacco 12 o una pantofola pelosa…ben venga!
Non sono d’accordo con chi fa della chirurgia estetica la sola ragione di vita, o chi vuole sembrare una ventenne quando magari di anni ne ha quaranta!!

Nel libro lanci alle tue lettrici una doppia sfida: non solo imparare a convivere con la propria cellulite, ma, per le più intrepide, di postarla tramite l’hashtag #ILOVECELLULITE. Quale feedback hai avuto?

Vuoi la verità! Un feedback tiepido!!! E lo capisco, io ho postato la mia cellulite! Con una bellissima foto, molto fashion in costume anni 50!!! Eppure ho fatto fatica! Le nostre peggiori nemiche: noi stesse!
Però poi è stato catartico e quest’estate via post in costume! Questa volta senza pensarci tanto su!!!

Il tuo libro è diventato una fondazione, vuoi raccontarci nel dettaglio di cosa si tratta?

E’ diventato una società I Love Me srl.
Un progetto di aiuto alle donne di qualsiasi età che hanno bisogno di un contributo concreto per realizzare i propri sogni. Iniziative che travalicano il progetto editoriale, ponendo il focus su micro progetti di lavoro e di vita al femminile.
I love cellulite e i love me non è solo un progetto editoriale e’ soprattutto uno sguardo attento rivolto al mondo al femminile (per ora!), e’ un progetto di merchandising con il fine di raccogliere risorse per sponsorizzare i sogni delle donne!

Progetti per il futuro. Un altro libro in vista?

Si come ti dicevo sto finendo I Love Panza! Qui spaziamo su visioni diverse, molto diverse…. Quella maschile e quella femminile, dello stesso argomento: la pancia!!!
Ho già iniziato questo confronto uomo/donna soprattutto con le acque aromatizzate!!
Attenzione niente stereotipi, amo gli uomini e le loro contraddizioni!!! Che poi completano le nostre! Ma e’ inevitabile siamo due mondi meravigliosamente  diversi e di questo ne dobbiamo prendere atto e continuare ad ironizzarci su!!!

🖤 VUOI SAPERNE DI PIU? LEGGI LA RECENSIONE AL LIBRO DI MARTINA SEMENZATO! 🖤