Pubblicato in: Inviato da...e recensito

Tu Sei Musica – Simona Bianchera

L’amore mi ha sempre fatto una strana impressione…sembrava complicato…la felicità, la tristezza, brutto, bello, reale…e irreale.

Però una cosa che ho sempre saputo è che volevo stare vicino all’amore, non troppo, senza rumore tanto quanto bastava a far sentire felice il mio cuore.

Non doveva cantare, solo sorridere un po’, sorridere al mondo.

L’amore è avido, a volte quando le cose non vanno come uno sperava l’amore diventa una cosa pericolosa, spaventosa, violenta, fredda come la luna, ma oggi è caldo come la brezza…

16 Anni di Alcool, Richard Jobson

Alaska e la meraviglia con cui guarda il mondo, con cui ascolta il cuore delle persone che ama. Un lavoro che la soddisfa, una coinquilina, Vanessa, amica d’infanzia ed una famiglia che le vuole bene. Impossibile non affezionarsi a Lupen, il suo vivace cagnolino.

La sua vita scorre fra serate tra amici e canzoni rock. Possiamo sentirla, la musica, che come una colonna sonora ci accompagnerà pagina dopo pagina; racconterà le paure e le fragilità dei personaggi, al di là delle parole stesse. La musica unisce, fa incontrare le persone, e quando unirà anche Alaska e Daniel, cambiando inaspettatamente le loro vite, non vi rimarrà che allacciare le cinture, e partire con loro verso un’avventura che vi coinvolgerà fino all’ultimo “riff”.

Continua a leggere “Tu Sei Musica – Simona Bianchera”
Pubblicato in: Intervista all'Autore

Intervista a Yannick Roch, autore de "Il Maestro dei Morti", Les Flâneurs Edizioni, 2017

Il Maestro dei Morti” rappresenta il tuo esordio letterario con Les Flâneurs Edizioni. Com’è nata l’idea di scrivere questo libro?

La nascita de “Il Maestro dei morti” è paradossale: l’avevo scritto per il primo concorso letterario organizzato dalla casa editrice nel 2015, anno nel quale avevo avuto molte delusioni a livello della scrittura con delle bocciature in altri concorsi. Quando una persona

Continua a leggere “Intervista a Yannick Roch, autore de "Il Maestro dei Morti", Les Flâneurs Edizioni, 2017”
Pubblicato in: Inviato da...e recensito

IL Maestro dei Morti – Yannick Roch

1933. Parigi è attraversata da una nube di misteriosi avvenimenti, che inquietano le notti di un’illustre borghesia perbenista. Tra le mura degli appariscenti palazzi della Ville Lumière, voci sinistre bisbigliano a proposito dell’enigmatico Monsieur Larnac e dei suoi oscuri spettacoli di magia. In questo cupo scenario una donna scompare: madame Géraldine, moglie del celebre editore Ambroise Lathune, sembra come inghiottita dal ventre di una città sempre più omertosa.

Continua a leggere “IL Maestro dei Morti – Yannick Roch”
Pubblicato in: Non Solo Review

Primi acquisti del 2020!

Ciò che da sempre mi appassiona è scoprire aneddoti legati ai libri stessi, alle vite degli scrittori e, perché no, alle storie delle case editrici. Oltre a ciò che racconta, un libro ha la sua storia e questo mi ha sempre affascinato moltissimo.⁠ ⁠

Lo sapevate che la vita di Lorna Nicholl Morgan, autrice di “Un Piccolo Omicidio Di Natale” è avvolta nel mistero?⁠ Scrisse quattro romanzi tra il 1944 e il 1947, dopodiché non si seppe più nulla di lei. Ciò nonostante divenne una delle penne più apprezzate della Golden Age della crime fiction britannica. ⁠ ⁠

Continua a leggere “Primi acquisti del 2020!”
Pubblicato in: Inviato da...e recensito

Un Altro Tamburo – William Melvin Kelley [In collaborazione con Thrillernord.it]

Se un uomo non marcia allo stesso passo dei suoi compagni, forse è perché sente il ritmo di un altro tamburo. Lasciatelo seguire la musica che sente, comunque sia scandita e per quanto sia distante.

H.D. THOREAU

Immaginate. Anni Cinquanta. Una cittadina di uno stato segregazionista. La vita scorre lenta, scandita dallo stesso ritmo di sempre. Da quelle regole che, perpetrate per decenni, sanciscono una linea di separazione tra bianchi e neri che, pur vivendo a stretto contatto, nella vita pubblica devono mantenere ciascuno le proprie posizioni: chi al di là, chi al di qua di questo confine, invisibile eppure così tangibile. I neri sono ora uomini liberi, non più schiavi, ma quelle catene con cui arrivarono i loro avi, non più visibili, li tengono ancora soggiogati al potere dell’uomo bianco, in una società in cui passare inosservati è una garanzia di sopravvivenza.

Continua a leggere “Un Altro Tamburo – William Melvin Kelley [In collaborazione con Thrillernord.it]”