Intervista a Valentina Bardi, autrice di “Ventiquattro”, Società Editrice Il Ponte Vecchio, 2019

Diplomata in sassofono presso il Conservatorio “Bruno Maderna” di Cesena, ti sei laureata in Lingue e Letterature Straniere presso l’Università degli studi di Bologna. Cosa ti ha spinto a scrivere un libro?

Ho sempre avuto un gran bisogno di raccontare ed esprimermi, anche se non so bene quando questa necessità si sia trasformata in scrittura.

È avvenuto per gradi, in maniera del tutto naturale.

Ho cominciato durante gli anni del liceo che per me sono stati una vera e propria “iniziazione” alla vita e da quel momento non mi sono più fermata, scrivendo sempre: prima piccole cose, racconti, brani di diario. E poi… poi sono arrivata a Ventiquattro: la storia più importante che abbia scritto fino ad oggi, nel mio piccolo.

Quali sono le tue influenze letterarie?

Ci sono molte scrittrici e scrittori che amo. Sicuramente hanno lasciato un’impronta indelebile su di me Virginia Woolf e Marguerite Yourcenar, perché mi sono formata leggendo e studiando le loro opere e la loro poetica. Poi c’è stato il tempo della consapevolezza: quel tempo cioè, a prescindere e al di là degli studi, in cui ho “incontrato” autori ed autrici che ho apprezzato e dai quali ho cercato di imparare qualcosa: le figure più importanti a livello prettamente tecnico sono Paolo Rumiz, Mario Rigoni Stern, Vincenzo Cerami ed Elizabeth Strout. Poi ci sono Borges, Saramago, Alice Munro, Murakami… e molti altri.

Che rapporto hai con la scrittura?

La scrittura rappresenta il “luogo” più intimo del mio animo e della mia mente: è un rifugio, quando la vita quotidiana diventa difficile e una risorsa quando spunta un’idea e qualche nuovo personaggio mi viene a trovare. Allora è come se mi sdoppiassi: da una parte ci sono io con la mia vita, le mie giornate, dall’altra loro (i personaggi) con le loro esistenze, le loro storie. Riuscire a tradurre questo mondo immaginario (ma forse dovrei direi “visionario”) in scrittura è per me meraviglioso.

Come è nata l’idea di “Ventiquattro”?

Si è generata in me dopo aver letto “La Cotogna di Istabul” di Paolo Rumiz, un capolavoro a mio parere. Attraverso la lettura di quest’opera ho capito esattamente che cosa volevo fare con la mia scrittura, cioè dare assoluta priorità al ritmo, alla musicalità. Da questa presa di coscienza è spuntata l’idea di Andrea, giornalista inviato di guerra, uomo inquieto e sfuggente che rientra a casa dalla sua famiglia in un momento particolarmente delicato per alcuni dei suoi cari: la figlia Elena, la secondogenita Martina e la moglie Giada.

I temi trattati nel tuo romanzo sono svariati: la relazione di coppia dopo tanti anni di matrimonio; il delicato rapporto tra genitori e figli quando questi diventano adulti; l’amicizia e l’amore nell’età dell’adolescenza; la sofferente elaborazione del lutto. Cosa c’è di autobiografico nelle storie che racconti e quale dei tuoi personaggi ti rispecchia maggiormente?

La storia che racconto comprende svariate generazioni e, proprio come evidenzi tu, diverse tematiche: sono tutte situazioni che ho vissuto direttamente e indirettamente in quanto essere umano.

Ho visto l’evolversi del rapporto dei miei genitori mentre crescevo e ho vissuto la mia piccola storia fino a qui (scuola, famiglia, amori, amicizie, lavoro, dinamiche sociali di ogni sorta) e come una spugna ho attraversato la vita degli altri intorno a me. Non c’è niente di esplicitamente autobiografico, ma per paradosso c’è tutto del mio essere parte di una comunità, perché quello che più mi premeva era provare a mostrare come la vita di ognuno di noi abbia una ripercussione su quella degli altri (e viceversa) se contestualizzata in una comunità di piccole dimensioni (un paese, un villaggio, un quartiere). 

Forse c’è qualcosa di me in tutti i personaggi, ma io mi rivedo molto in Martina. Riconosco nel suo delicato percorso di crescita un po’ quello che è capitato a me durante il liceo.

Nel tuo libro ritroviamo espressioni dialettali. Perché hai scelto di inserire questi elementi?

In parte proprio per mettere in evidenza l’appartenenza ad una realtà circoscritta ed identificabile, anche se, per scelta, il paese in cui sono ambientate le vicende, non ha nome: si evince che siamo in Romagna, ma non sappiamo esattamente dove. Mentre scrivevo, ad un certo punto mi sono resa conto che l’utilizzo di espressioni dialettali e certi regionalismi (come il termine mimino per dire bambino) era indispensabile per dare davvero struttura alla storia. È come se attraverso queste tipologie di linguaggio le vicende riuscissero ad aderire meglio alla terra.

Quale fase nella scrittura di “Ventiquattro” è risultata più faticosa e quale invece ti ha appassionato maggiormente?

La fase più faticosa è stata senza dubbio la revisione. Rileggere, ricontrollare il testo, nei suoi brevi episodi e nella sua interezza, ha occupato un tempo molto lungo e per evitare incoerenze mi sono confrontata con i membri del mio gruppo di lettura che, con grande generosità, mi hanno aiutata e mi hanno dato dei suggerimenti preziosi.

La parte più emozionante invece è stata la prima stesura: il momento in cui avevo tutta la storia in testa e scrivevo immaginando le scene, vedendole con chiarezza di fronte a me e non pensavo a niente, nemmeno a digitare bene le parole, per non perdere l’incanto.

A chi ancora non ha letto il tuo libro: tre motivi per cui consigli di leggerlo. 

Ventiquattro inizialmente sembra la storia di una famiglia particolare in un momento particolare ma, progressivamente, è come se le vicende diventassero così universali da appartenere a tutti e per questo e a gradi diversi, il lettore si può facilmente identificare e riconoscere con qualcuno dei personaggi o può avere la sensazione di rivivere pezzettini della propria storia personale.

È inoltre un romanzo dal ritmo incalzante, con tanti dialoghi, perciò la lettura risulta scorrevole e una volta che lo inizi, per una serie di motivi, vuoi arrivare in fondo.

Infine, malgrado in questa storia ci siano eventi drammatici, è un romanzo di formazione e di rinascita per tutti, perché i personaggi più importanti non si piegano, ma si rialzano e continuano a cercare se stessi e provano a dare un senso al loro esistere.

Ventiquattro” è il tuo romanzo di esordio pubblicato nel 2019. Hai qualche altro lavoro in preparazione per i tuoi lettori?

Sì, sto lavorando da tempo ai miei racconti. Sono in fase di revisione per alcuni e ancora in fase di stesura per altri. Spero di riuscire a proporli al mio editore al più presto.

🖤

Leggi la mia recensione a Ventiquattro di Valentina Bardi

Intervista a Dario Tonani, autore di "Naila di Mondo9", Mondadori, 2018 [Collaborazione per il Dystopian Day 2020 organizzato da leggeredistopico.com e la libreria Il Covo della Ladra (Mi)]

Laureato in Economia Politica alla Bocconi, hai successivamente intrapreso la strada del giornalismo e della scrittura. Vuoi raccontarci di questa scelta, come è avvenuta?

Quando si è giovani si matura l’erronea convinzione che la scrittura sia più o meno uguale – nelle sue forme e nelle sue dinamiche – in qualsiasi campo la si applichi. Da noi non esiste un percorso formativo (scolastico o universitario) per diventare scrittori, per cui si cerca di avvicinarsi al “boccino” seguendo via traverse: per me, il giornalismo è stato uno di queste. Tant’è che mi è sembrata allora la scelta più naturale. Ma presto ci si accorge che è una professione completamente diversa, che non ha nulla a che spartire con lo scrivere narrativa. Certo, ha un humus comune; insegna a osservare e raccontare, a vivere in mezzo ai testi, a pulire il proprio modo di esprimersi in forma scritta. Ma le logiche che improntano il lavoro giornalistico sono completamente differenti da quelle del narratore. 

Il libro, se c’è, che ti ha fatto pensare: voglio scrivere anch’io! Quali sono state le influenze letterarie e cinematografiche che ti hanno formato come scrittore?

Non ce n’è uno in particolare, la consapevolezza si crea sull’accumulo. A un certo punto scopri che la stratificazione dei libri che hai letto ti ha portato a vedere tutto da un punto di vista diverso. È un po’ come camminare in montagna: un passo alla volta ti ritrovi in quota e il panorama al quale ti affacci cambia radicalmente. Ti piace, ti affascina, vuoi andare ancora più in alto. Quello che hai letto ti induce a provare a scrivere, scopri un mondo di prospettive nuove. Influenze letterarie? Tantissime: il primo King, Richard Matheson, Philip K. Dick, James Ballard, Cormac McCarthy. Ma quanti autori potrei citare…

Quello di Naila è un pianeta con una caratterizzazione peculiare, aspetto enfatizzato dalla Miscellanea Enciclopedica che arricchisce brillantemente il libro e che ci guida alla scoperta delle sue regole. Dove prendi le idee in generale e in particolare da dove è nato il Mondo9?

Lo dico in tutte le mie presentazioni: ogni scrittore finisce per scrivere o dei propri sogni o delle proprie paure. Di norma è questo che muove gli ingranaggi, il carburante. Per tutta la carriera ci si sposta lungo questa retta ideale. Mondo9 è molto vicino allo spettro più tetro delle mie paure… Dove prendo le idee? Dalle mie piccole fobie quotidiane, dai tic più o meno consapevoli, ma anche dalla fame e dalla sete di curiosità. Dal gusto del paradosso, della provocazione. E anche da una buona dose di rabbia interiore, un autentico fuoco…

Naila, la protagonista, è segnata da una perdita traumatica che le ha trasmesso un profondo desiderio di rivincita. E’ una donna coraggiosa e ambiziosa, ma allo stesso tempo fragile e materna. Come mai hai scelto una donna come protagonista del tuo libro? Quanto c’è di distopico nel tuo romanzo e che relazione vedi tra distopia e femminismo?

Non è la prima volta che scelgo una protagonista donna per un mio romanzo, era già accaduto con “Toxic@” (Urania del 2011). La differenza è che “Naila di Mondo9”, prendendo spunto dalla dedica personalissima a mia moglie, è un romanzo rivolto a tutte le donne, alla loro crociata quotidiana per affermare ogni giorno – sui luoghi di lavoro, ma non solo – il loro ruolo, il loro valore e la loro identità professionale contro un sessismo becero e dilagante. Una lotta titanica, improntata a un rispetto e a una parità che spesso sono soltanto sulla carta. Anche in un ambito prettamente maschile, come quello della marineria, Naila non rinuncia alle sue prerogative femminili: è orgogliosamente donna, madre, amante. Ed è l’unica comandante donna di tutto Mondo9. E sarà proprio il suo punto di vista a muovere la leva giusta. Un piccolo aneddoto per darti la misura dell’attenzione con cui viene confezionato un titolo destinato a una collana prestigiosa come gli Oscar Mondadori: una decina di giorni prima di andare in stampa, uno dei miei editor fu colto da uno scrupolo che mi fece tremare le gambe. Mi disse, “Beh, tu hai creato una protagonista donna. Ma sei un uomo, e come tale finisci inconsapevolmente per ragionare anche quando scrivi. Sarei più tranquillo che il libro venisse letto rapidamente anche da un editor donna, per scovare le eventuali incongruenze di genere soprattutto nel parlato e nel pensato. Così passammo il PDF a una grande autrice – e amica – come Nicoletta Vallorani, che lesse “Naila” in cinque giorni, e mi restituì il tutto dicendo che non aveva trovato nulla di… incongruente, pur parlando io di sesso, di gestazione e di parto. Per me fu una gioia enorme. 

Navi che cavalcano onde di sabbie velenose, capitani, megattere. Il linguaggio narrativo richiama fortemente quello nautico. Ciò che mi ha colpito è la dimestichezza e la precisione con cui utilizzi questo vocabolario. Si tratta di conoscenze che ti appartenevano già prima di inventare il mondo di Naila o hai studiato appositamente?

Adoro il mare, perché ho un famelico (e forse patologico) bisogno di nutrire lo sguardo di orizzonti ampi. E le grandi aree urbane questo non te lo possono dare. Mare e deserto sono i miei luoghi d’elezione. Li ho visti e frequentati entrambi, ma ho dovuto documentarmi molto per dare non dico verosimiglianza, ma coerenza al mio universo narrativo. 

Hai mai pensato ad una trasposizione cinematografica di Naia di Mondo9? In questo caso a chi penseresti nel ruolo di Naila e chi vorresti come regista?

Sì ci ho pensato, come un sogno, come un gioco. Ti faccio qualche nome, ma ne potrei fare tanti. Emily Blunt per il ruolo di Naila, e assolutamente Christopher Nolan o Denis Villeneuve come regista. Di quest’ultimo sono dannatamente curioso di vedere il suo Dune…

Tra i personaggi del libro, quale ti rispecchia maggiormente?

Ho messo un semino in ognuno. Il bello dello scrivere un romanzo è che ti puoi nascondere dietro ogni volto, e alla fine ti accorgi che non hai scelto tu, consapevolmente, che ruolo incarnare. Sei stato una battuta e una scena di tutti loro… Sono in genere i lettori a riconoscerti in questo o in quel personaggio.

Ai lettori, perché leggere il tuo libro?

Perché per scriverlo mi sono ispirato alle grandi avventure marinaresche di autori con Herman Melville, Joseph Conrad, Robert Louis Stevenson, Patrick O’Brian. E allo stesso tempo è una struggente storia d’amore; in luoghi remoti e sconfinati sui quali fare spaziare lo sguardo. Ed è quello che adesso, chiusi in casa, ci manca di più.

Da lettore cosa ricerchi in un libro e da scrittore cosa provi a trasmettere ai tuoi lettori?

Da lettore cerco emozioni, prospettive ampie, magie, ed è lo stesso impasto che tento di dare al mio pane quando scrivo…

Quando scrivi pensi a chi leggerà il tuo libro? E questo influisce eventualmente su alcune tue scelte?

C’è un momento nella vita professionale di un autore in cui, se vuole davvero rivolgersi a una platea più ampia, deve necessariamente smettere di scrivere quello che gli piace e cominciare a scrivere quello che piace agli altri. Mi considero molto fortunato per il fatto che al momento, stando a quello che scrivo, ci sia una notevole sovrapposizione tra questi due obiettivi. Non ho dovuto né cedere a compromessi né fare alcunché controvoglia…

Quale fase della scrittura di un romanzo ti risulta più faticosa e quale invece ti cattura e ti appassiona maggiormente?

Forse è curioso a dirsi, ma a parte la fase di massima creatività espressa dal mettersi alla tastiera e vedere dove ti porteranno in quella seduta storia e personaggi, adoro la fase di editing fino. L’unico momento in cui la lettura di uno scrittore si avvicina davvero a quella di chi comprerà il tuo libro… Non amo le attese, ma il mestiere di scrittore si nutre di periodi di semina molto lunghi e di raccolta estremamente brevi.

Quanto è importante leggere per uno scrittore?

Una parola. O se vuoi, una sfilza di sinonimi: fondamentale, indispensabile, essenziale, imprescindibile, basilare, capitale…

Com’è cambiato il mondo letterario della fantascienza da quando l’hai scoperto ad oggi?

Non mi basterebbe una pagina per risponderti. Proverò a essere estremamente sintetico: una volta la science fiction si basava su alcuni pilastri dominanti: sense of wonder, avventura, fascinazione per lo spazio, l’incontro con civiltà aliene, l’ignoto, le meraviglie di una scienza in cui riporre le nostre speranze di un futuro migliore. Poi virò verso le prime grandi paure, l’uso distorto della tecnologia, il post-apocalittico, gli effetti delle derive autoritarie sulla società (le prime distopie), l’inner space ballardiano, l’ucronia. Toccò poi al cyberpunk conquistare la scena, con la sua visione cupa e pessimistica di un uomo succube della grande interconnessione, dei big data, dei poteri forti delle multinazionali in grado di manipolare l’informazione, la verità, le coscienze. Oggi risentiamo della spinta espressa dalla locuzione “orizzonte degli eventi”: la fantascienza è speculazione anche un po’ intellettualistica. Ma ci sono – guarda caso, all’orizzonte – approcci nuovi: la riscoperta della space opera, lo steampunk, il solarpunk o al suo opposto la distopia pura, carica però di avventura e di voglia di riscatto. Non esiste al mondo genere letterario che sia più sfaccettato, ricco di punti di vista e variegato della fantascienza. 

Scrittore prolifico, hai alle spalle un’affermata carriera, avendo assistito, fra l’altro, alla traduzione di alcune tue opere in altre lingue. Fra prestigiosi premi e riconoscimenti ricevuti, nel 2014 Mondo9 è uscito in Giappone e sei stato il primo autore italiano ad approdare sulla celebre testata mondadoriana Millemondi con un volume dedicato. C’è qualcos’altro ancora nel cassetto da realizzare?

Ci sono grosse novità in arrivo, a cominciare dal fatto che Mondo9 continuerà alla grande, dato che “Naila di Mondo9” avrà un seguito, ormai è ufficiale. Al momento di più non posso dire, spero di poter fornire i dettagli molto presto. Intanto, grazie della chiacchierata. Alla prossima e stay tuned!

Leggi la mia recensione a Naila di Mondo9 di Dario Tonani

Intervista a Lorenzo Foltran autore del libro “In Tasca La Paura di Volare”, Oèdipus Edizioni, 2018

In un mondo come quello di oggi, frenetico, dominato dal digitale e dai social, c’è ancora spazio per la poesia?

Non mi stancherò mai di ripetere che oggi esistono almeno tre validi motivi per leggere poesia:

. La brevità della poesia comporta un tempo di lettura ideale per il lettore contemporaneo che ha sempre meno tempo da dedicare ai libri.

. Tale brevità è perfetta per la condivisione sui social.

. A chi pensa che la poesia sia un genere di difficile comprensione rispondo: una poesia può comunicare prima ancora di essere capita.

Quindi, sì, c’è ancora spazio per la poesia. Proprio grazie ai social media è più facile arrivare ai lettori, basti pensare al successo di alcuni, cosiddetti, “instapoeti”. Il problema, però, è riuscire a trasformare il “mi piace” in acquisto del libro ed evitare di diventare unicamente un “brand”, una faccia da mostrare in video su Youtube o nelle storie di Instagram. Altra questione è la qualità dei testi: trovo che quasi la totalità delle poesie pubblicate in rete si limiti a formule a effetto pensate e scritte per fare breccia nei cuori dei non-lettori o in quelli dei lettori sprovveduti. Sono frasi sdolcinate o pseudoromantiche, non poesia.

Com’è nata l’idea di questa raccolta di poesie?

La silloge è l’evoluzione di altre due raccolte, “La ragazza luna” e “L’una la musa dell’altro”, rimaste, fortunatamente, inedite in quanto entrambe contraddistinte da una scrittura adolescenziale. Erano una sorta di canzoniere amoroso con molta ispirazione ma poca sostanza. Infatti, il piano autobiografico su cui si basavano i testi non mi permetteva di dare un significato culturale, universale oltre che privato, alla mia poesia. Attraverso un lungo e accurato lavoro di rifinitura, anche su testi che ritenevo intoccabili, ho rivoluzionato la struttura della raccolta ed è nata In tasca la paura di volare.

Ciò che da subito mi ha colpito della tua poetica è un più che evidente richiamo alla poesia petrarchesca e ai suoi stilemi, ma il tutto direi “vissuto” nella contemporaneità, riportato ai giorni nostri per quanto riguarda anche i contenuti. Un contrasto interessante quanto ardito a mio avviso. Vuoi spiegarci nel dettaglio questa scelta?

Oltre agli stilemi petrarcheschi, non bisogna dimenticare che vi è molto anche della poesia provenzale. Sono stati i poeti provenzali a inventare il concetto di cortesia che si basa sul riconoscimento del valore della donna per lo sviluppo morale dell’uomo. La poesia provenzale ci ha donato un prezioso patrimonio letterario e anche una profonda eredità spirituale. Ma oggi chi conosce o ha letto le poesie di poeti come Jaufré Rudel o Raimbaut d’Aurenga? Rinnovare e attualizzare tale concetto permette di riproporlo e renderne più facile la fruizione ai lettori di oggi. Tuttavia questa componente cortese/petrarchesca caratterizza unicamente la prima sezione della raccolta. I lettori sono affascinati dalla prefazione di Dario Pisano, ma non prendono in considerazione una parte della sua, corretta, interpretazione: l’aspetto ironico. Dario scrive: “La sua musa abita le rive dell’antica tradizione poetica italiana, e riscrive, con una dose di umorismo e ironia, celebri pagine della tradizione stilnovistica e petrarchesca”. Tutto ciò presuppone una presa di distanza dalla poesia d’amore tradizionale. Come Orfeo con Euridice, il poeta può tenere per mano la sua musa, ma non può voltarsi per guardarla se non vuole perderla (o perdersi nel suo sguardo). In In tasca la paura di volare il poeta si è voltato alla ricerca della sua musa, perdendola per sempre. Da questo deriva il fallimento del rapporto io-tu, del binomio poeta-musa tipico della lirica d’amore.

In Tasca La Paura Di Volare è una delle poesie contenute in questo libro e che dà il titolo alla raccolta. Qual è il significato di questa espressione e perché hai scelto proprio questa poesia come rappresentativa della raccolta?

È un titolo evocativo, un endecasillabo che suona davvero bene. Si tratta di un verso della poesia che chiude il libro. L’ho scelto perché penso riassuma perfettamente l’atmosfera della raccolta e ciò che resta del viaggio effettuato lungo le tre sezioni. Quella paura è l’unico biglietto di cui disponiamo verso il futuro, ed è di sola andata.

Cosa significa per te scrivere poesie? Che rapporto hai con la tua opera?

La poesia è un bisogno, qualcosa che nasce spontaneamente. Come diceva il poeta Dario Bellezza, andare a fare la spesa, mangiare, scrivere una poesia sono la stessa cosa, se uno è un vero poeta, poi se uno deve fare uno sforzo per esserlo è inutile che lo fa. Poi, ovviamente, a questa prima fase più creativa deve seguire un continuo lavoro di lima. Per questo ho un rapporto difficile con la mia opera, come penso lo sia per tutti i poeti. Dopo aver lavorato mesi, o anni, sulla stessa raccolta è necessario abbandonarla, addirittura smetterla di rileggerla. Questo perché il poeta che si migliora vi troverà sempre dei difetti: una poesia non finisce mai, è un testo in continua evoluzione, ma bisogna avere il coraggio di allontanarsene altrimenti si corre il rischio di restare bloccati. Se oggi potessi intervenire su In tasca la paura di volare modificherei non poche cose.

Progetti per il futuro. Hai qualche anticipazione?

Mi trovo in una fase straordinariamente creativa. Ho da poco ordinato e corretto quella che sarà la mia seconda raccolta. L’obiettivo è di pubblicare con un editore più grande e importante. In attesa delle risposte delle case editrici alle quali ho inviato il manoscritto, mi sto concentrando sulle pubblicazioni in rivista e sulla traduzione in francese delle mie poesie. Una mia poesia è stata da poco pubblicata sulla rivista letteraria “Méninge” e altri miei testi saranno presto pubblicati sulle riviste “Meteor” e “Filigranes”. Infine, ho cominciato a dedicarmi anche alla prosa, infatti sono al lavoro sul mio primo romanzo in cui la poesia avrà un ruolo fondamentale. 

🖤 VUOI SAPERNE DI PIÙ? LEGGI LA RECENSIONE AL LIBRO DI LORENZO FOLTRAN! 🖤

Intervista a Martina Semenzato, autrice del libro “I Love Cellulite”, Peruzzo Editoriale – Guida Editori, 2018

Dopo aver letto il suo libro, erano diverse le domande che avrei desiderato porre a Martina. Ho deciso quindi di proporle questa intervista che condivido con grande entusiasmo. La ringrazio nuovamente per la gentilezza e la grande disponibilità che mi ha dimostrato. Un ringraziamento speciale anche al suo staff davvero molto professionale e attento.

“I Love Cellulite” in un mondo mediatico che per decenni, salvo rare eccezioni dalla breve vita, ha costruito uno stereotipo di bellezza femminile basato sulla magrezza e sull’assenza di imperfezioni. Una provocazione? Sicuramente una scelta contro corrente. Vuoi spiegarci?

L’idea di questo libro nasce 8 anni fa, ma la mia battaglia contro la cellulite, meglio detta la malefica, inizia molto prima, da quando ho 14 anni!! A poco a poco la lotta si è trasformata in una passione. A forza di averla con me, alla malefica mi sono affezionata. Un rapporto complesso, di amore e odio. Una storia complicata.
Una provocazione si! Una condivisone tra donne si! Un guardarsi allo specchio con occhi diversi si! Uno sdoganare la cellulite si!!

Cosa ti ha spinto a scrivere questo libro, cosa ha significato per te, era nei tuoi progetti quello di diventare una scrittrice?

La voglia era quella di dar vita ad un breve manuale che alleggerisse le donne da un tormento e ironizzasse anche un po’ sui loro limiti fisici e a volte mentali, spesso sociali e anche economici!!
Non era nei miei progetti diventare scrittrice, ma la passione per la lettura e la scrittura li ho coltivati grazie ai miei studi classici!!
Quindi direi che la scrittrice di fatto inconsciamente c’era da tempo!!
Adesso c’ho preso gusto e sto finendo il secondo libro I Love Panza!!
La parte editoriale è per me molto importante!! E si abbina ad un importante progetto di marketing e valorizzazione del logo!

Una scrittura ironica, divertente, leggera, quando pagina dopo pagina si scopre l’elemento fortemente autobiografico e profondo che caratterizza il tuo libro. Questa ironia rispecchia il tuo modo di essere e di approcciarti alla vita?

Si assolutamente: cancro ascendente cancro!!! Trovo che l’ironia possa essere una leva forte per affrontare le straordinarie sfide che la vita cellulitica ci riserva.
Ironia fatta con intelligenza e rispetto di se stesse e di chi ci sta vicino.

Nel libro parli anche di chirurgia estetica a cui tu stessa, senza segreti, riveli di esserti sottoposta. Col senno di poi, e soprattutto dopo la pubblicazione di questo libro, lo rifaresti?

Si lo rifarei, ogni volta che faccio una presentazione preciso che io sono per la cura del contenitore, anche se il contenuto viene prima di qualsiasi altra cosa.
Non mi spaventa il ricorrere alla chirurgia estetica, ne sono portatrice sana!!!
Sana perché se la chirurgia ti fa stare bene, come un bel vestito o un bel rossetto o una scarpa tacco 12 o una pantofola pelosa…ben venga!
Non sono d’accordo con chi fa della chirurgia estetica la sola ragione di vita, o chi vuole sembrare una ventenne quando magari di anni ne ha quaranta!!

Nel libro lanci alle tue lettrici una doppia sfida: non solo imparare a convivere con la propria cellulite, ma, per le più intrepide, di postarla tramite l’hashtag #ILOVECELLULITE. Quale feedback hai avuto?

Vuoi la verità! Un feedback tiepido!!! E lo capisco, io ho postato la mia cellulite! Con una bellissima foto, molto fashion in costume anni 50!!! Eppure ho fatto fatica! Le nostre peggiori nemiche: noi stesse!
Però poi è stato catartico e quest’estate via post in costume! Questa volta senza pensarci tanto su!!!

Il tuo libro è diventato una fondazione, vuoi raccontarci nel dettaglio di cosa si tratta?

E’ diventato una società I Love Me srl.
Un progetto di aiuto alle donne di qualsiasi età che hanno bisogno di un contributo concreto per realizzare i propri sogni. Iniziative che travalicano il progetto editoriale, ponendo il focus su micro progetti di lavoro e di vita al femminile.
I love cellulite e i love me non è solo un progetto editoriale e’ soprattutto uno sguardo attento rivolto al mondo al femminile (per ora!), e’ un progetto di merchandising con il fine di raccogliere risorse per sponsorizzare i sogni delle donne!

Progetti per il futuro. Un altro libro in vista?

Si come ti dicevo sto finendo I Love Panza! Qui spaziamo su visioni diverse, molto diverse…. Quella maschile e quella femminile, dello stesso argomento: la pancia!!!
Ho già iniziato questo confronto uomo/donna soprattutto con le acque aromatizzate!!
Attenzione niente stereotipi, amo gli uomini e le loro contraddizioni!!! Che poi completano le nostre! Ma e’ inevitabile siamo due mondi meravigliosamente  diversi e di questo ne dobbiamo prendere atto e continuare ad ironizzarci su!!!

🖤 VUOI SAPERNE DI PIU? LEGGI LA RECENSIONE AL LIBRO DI MARTINA SEMENZATO! 🖤