Là dove lascio il mio cuore

Non ho mai scritto di questo viaggio, sebbene siano ormai trascorsi diversi anni da quel lontano agosto del 2006 in terra d’Africa. Meglio così, forse. Per elaborare certe emozioni e poterne scrivere serve distanza. Lo stesso Giacomo Leopardi scriveva che per parlare dell’Infinito, serve una certa assenza. Puoi scriverne solamente quando questo non c’è più. L’Infinito. Questo è stata per me l’Africa. Non ne vedi la fine. Del cielo non ne vedi la fine. Della terra rossa, non ne vedi la fine. Lo sguardo e il cuore sono preda di una vertigine oltre l’orizzonte. Un detto africano recita: ” l’Africa non spalanca le porte dei propri granai allo straniero, ma è lo straniero che deve essere degno di scoprirli”.

Continua a leggere “Là dove lascio il mio cuore”